11.07.2018

Study Day

Palazzo Carpegna - Salone d'Onore

Pomeriggio di studi Rivedendo Antonio Del Guercio La sua presenza nella cultura contemporanea

Del Guercio ha coniugato, nella sua lunga stagione di ricerca, l'attività di critico militante con quella di storico, offrendo contributi determinanti soprattutto per la conoscenza dell'arte francese dell'Ottocento e per i rapporti tra l'arte italiana e gli accadimenti del resto d'Europa. Ha contribuito soprattutto, con testi e mostre pionieristiche, alla divulgazione nel nostro paese degli eventi delle avanguardie tedesche e russo-sovietiche. Come critico militante, Del Guercio ha contribuito in maniera determinante, con testi e organizzazione di mostre, all'affermazione in Italia di una pittura realista che superasse le secche della tradizionale pittura politicamente impegnata, anche grazie ad una sensibilità formale affinata dalla frequentazione umana e professionale di un maestro di studi storico-artistici come Roberto Longhi. Una militanza che ha visto consolidarsi sodalizi professionali e umani con artisti quali Renato Guttuso e Carlo Levi. Da storico dell'arte, i suoi interventi sull'Ottocento francese (Géricault, Delacroix, Courbet...) hanno contribuito ad affinare anche nel nostro paese la conoscenza di un periodo fondamentale per l'affermarsi di un concetto di modernità nell'arte. Interventi accompagnati da una attenzione non episodica per il coevo sviluppo di una concezione di critica d'arte adeguata alle trasformazioni che avvenivano nella dinamica storica delle arti, come quelli su Diderot o Baudelaire, o le opere dedicate a disaminare il fenomeno nel suo complesso. Il pomeriggio si aprirà con un omaggio musicale del Maestro A. Mina, che eseguirà "Les Temps Des Cerises", in ricordo della nascita parigina di Del Guercio e della sua passione civile. A seguire, introdotti da Francesco Moschini, Segretario Generale dell'Accademia Nazionale di San Luca, e dallo scultore Vincenzo Gaetaniello, interverranno studiosi formati alla sua scuola (ha insegnato a lungo nelle Università di Lecce e di Firenze), e studiosi che con lui si sono confrontati durante le loro ricerche sugli argomenti che hanno caratterizzato il suo percorso di studioso. Angela Sanna affronterà il tema delle analisi dedicate dallo storico dell'arte agli scambi Italia-Francia. Luca Nicoletti si dedicherà al suo rapporto con gli artisti della Nuova figurazione, e all'eredità longhiana nel suo metodo critico. Duccio Nobili rivisiterà gli interessi nei confronti delle avanguardie russe di inizio secolo. Alexander Auf der Heyde l'impegno di Del Guercio dal punto di vista editoriale. Francesco Galluzzi analizzerà alcuni aspetti della sua metodologia critica. Ai contributi si alternerà la proiezione di due interventi video, nei quali Del Guercio affrontava le figure di Théodore Géricault (in particolare, il suo capolavoro "La Zattera della Medusa"), e di Pier Paolo Pasolini. A concludere la serata un intervento del critico d'arte